Novità del Salone del Camper di Parma 2018

Si è da poco concluso l’atteso appuntamento alla Fiera di Parma con il Salone del Camper.

In un contesto conviviale, a pochi chilometri dal centro di Parma, si è svolto il classico ritrovo di camperisti e amanti del plein air provenienti da tutto il mondo. L’immancabile evento annuale dove scoprire le più interessanti novità in fatto di motorhome, caravan e tende, non tralasciando percorsi e mete per dei viaggi itineranti da sogno.

Un giro tra gli stand della fiera 

“Azzerate il contapassi” dovrebbero scrivere all’ingresso, ma anche “preparatevi a vedere di tutto”.

Anziani, giovani, famiglie, lupi solitari in cerca di un angolo remoto, tatuaggi e lunghe barbe. Il pubblico è molto variegato ma con un'attitudine in comune: il viaggiare in libertà. Una passione che accomuna gli oltre 300 espositori e i numerosi visitatori che si sono avventurati nei 150 mila metri quadri della Fiera di Parma. Numeri che trovano conferma nei recenti dati dell’Osservatorio turistico che stima a 8,7 milioni l’afflusso di viaggiatori, tra italiani e stranieri, che ogni anno attraversano le strade dello Stivale.

Disposti nei 6 padiglioni del quartiere fieristico, gli stand espositivi hanno saputo regalare ai visitatori sogni di viaggio e idee originali per chi è alla ricerca di un brivido di avventura e emozioni itineranti.

Alla consueta affluenza  di un pubblico di qualità, quest’anno si è affiancata una nuova tipologia di appassionati: i millennials, attratti soprattutto dal segmento dei van e dei furgoni camperizzatiUn’offerta variegata, dai camper extralusso con parcheggio annesso, alla tiny house che in 9mq permette di avere una vera casa mobile. Camper vintage e camper moderni, in cui la domotica controlla ogni singolo accessorio, van e camper 4x4, la roulotte anfibia che si trasforma in barca e le ultime uscite in tema di tenda da tetto.

Tante novità e nuove forme di viaggio, come il camper sharing che si presenta per la prima volta  alla più grande fiera del camper in Italia; una valida alternativa al noleggio tradizionale che abbraccia i principi di condivisione e sostenibilità in linea coi valori della sharing economy.

La domotica su camper

Tra le numerose novità del Salone del camper 2018, risalta all’occhio la tecnologia che caratterizza gli ultimi modelli di camper moderni.

Tra le ultimissime novità in tema di domotica, arriva sui camper il sistema di riconoscimento automatico della stanchezza, rendendo il viaggio non solo all’insegna della libertà, ma anche della sicurezza. Lo smartphone con cui si può accendere e spegnere il sistema di riscaldamento da remoto, controllare (e per molti anche ricordare) dove è parcheggiato il proprio veicolo ma anche analizzare dati utili prima della partenza come la pressione delle gomme o il livello dei liquidi.

Queste, e tante altre novità innovative, rendono i veicoli ricreazionali esposti sempre più “intelligenti”, sempre più personalizzati e customizzati ad hoc dai proprietari e in grado di rispondere a quasi tutte le esigenze.

La roulotte anfibia

Sicuramente una delle principali novità della fiera è Sealander, la roulotte-barca. Un mezzo di poco più di 4 metri a motore elettrico che può essere utilizzato per terra come una classica caravan e in acqua come una barca. Le camere d’aria sigillate e il fondo a scodella permettono di immergersi nell’immaginario lasciandosi cullare attraverso strade e mari in un viaggio avventuroso tra bucanieri e predoni. Per maggiori informazioni qui.

Attraverso la storia del camper

Solo i corridoi in cemento tra un padiglione e l’altro separano intere generazioni di camper. Sono 730 le novità presentate alla Fiera di Parma, coprendo davvero ogni settore.

I nostalgici dei pantaloni a zampa e i capelli lunghi possono rivivere momenti della propria gioventù “ribelle” ammirando i veicoli esposti dalla Volkswagen che per l’occasione ha rispolverato un sempre attuale ed affascinante type 2. Mod.T1 del 1964. Da sempre sinonimo di libertà e avventura, la Volkswagen riesce ancora oggi con le nuove versioni del California a far sognare gli appassionati del settore.

Pochi anni dopo, precisamente il 17 Gennaio 1978, Luano Niccolai decide di iniziare a produrre sogni su 4 ruote, fondando la Rimor. In occasione del quarantesimo anniversario dei proprietari privati hanno deciso di esporre presso la Fiera una parte di storia, con tanto di chilometri percorsi e soprannome dato al “nuovo membro” della famiglia. Lasciati gli “anzianotti” alle spalle, ci dirigiamo verso le nuove generazioni, quelle energiche, tirate a lucido e con tutta la voglia di farsi scoprire che hanno i nuovi sul mercato. Design, tecnologia, innovazione sui materiali e tanto altro spadroneggiano sulle moquette verdi. Tra le centinaia di novità non mancano i marchi più noti, come Mercedes con il Marco Polo Horizon; Volkswagen che presenta il T6, in differenti declinazioni; i nuovi Berlingo, Type-H Wildcamp e il Giottiline Therry 38 della Citroën  e Peugeot con il Rifter e il Bravia Swan. Numerose anche le case che si occupano di allestimenti abitativi quali Elnagh, McLouisLaika, Mobilvetta, Hymer, Adria e moltissimi altri.


Dal camper da 20 mq alla casa da 9

Le dimensioni non contano, o meglio, la Fiera del camper insegna che a comandare sono la disposizione e il comfort per la nuova generazione di camperisti: autocaravan mansardati, semintegrali, motorhome, van, è presente davvero di tutto, per tutti i garage e le tasche.

Il camper con garage

Particolare e impossibile da non notare è il nuovo Concorde Charisma 920 G.  Un vero e proprio attico su gomma con tanto di box che accoglie una Smart. 9,23 metri di lusso e confort in cui si può scegliere se rilassarsi nella elegante zona giorno, replicare i piatti di Master Chef nella super accessoriata cucina o prendere la macchina parcheggiata al suo interno per fare un giro.

La prima Tiny House italiana

Sicuramente d’altro avviso è Leonardo Di Chiara, architetto italiano che ha progettato e fatto realizzare aVOID, la sua Tiny House. Il prototipo di casa mobile ispirato al movimento americano delle tiny house. Lo spazio abitativo di 9 mq elogia i principi del minimalismo e l’ottimizzazione degli spazi. In sintonia con uno stile di vita che predilige il minimo indispensabile senza rinunciare ai comfort di una vera casa. Di peso inferiore alle 3,5 tonnellate e costruita su un rimorchio, questa casa mobile permette di essere trainata in giro per il mondo con un semplice gancio traino.

La derivazione del progetto, in chiave umanitaria ed assistenziale è il progetto Home-UP, un modulo abitativo “pop-up” di emergenza per fare fronte e dare conforto e privacy a tutte le persone colpite da calamità naturali e non solo. La casa scorre su se stessa grazie a dei binari posti sul pavimento ripiegabile permettendo di triplicare il proprio ingombro da 14.5 a 29.5 mq. Per maggiori info.

Itinerari di viaggio, guide e sharing economy

Accanto a Yescapa che ha presentato i vantaggi della sharing economy nel settore dei viaggi itineranti e del caravanning, a diffondere i principi della condivisione ha partecipato al Salone del camper, al secondo anno consecutivo, anche Garden Sharing, il servizio per condividere il proprio spazio verde di casa a usufrutto di camperisti o campeggiatori.

Impossibile menzionare tutti gli stand di riviste, guide turistiche, sponsorizzazioni locali e territoriali, bancarelle di ottimo cibo proveniente da tutto lo Stivale che, con i loro profumi, hanno reso ancora più facile in questi giorni di fiera viaggiare, seppur per ora, solo con i sogni e la fantasia.

Il team Yescapa.