Viaggio nel Centro d'Italia

Visitare l'Abruzzo, le Marche e l'Umbria in camper

L’Italia è una terra feconda di arte e cultura, di meravigliosi paesaggi e di un’enogastronomia invidiata in tutto il mondo, una destinazione amata da camperisti e viaggiatori di ogni tipo. Un modo per lanciarsi alla scoperta del Belpaese è visitare il Centro Italia in camper attraverso i borghi e i luoghi più caratteristici, anche i meno conosciuti, della nostra nazione. L’itinerario che vi proponiamo parte da Roma, alla scoperta del Lazio in camper, attraversa l’Abruzzo e le Marche per finire in Umbria: vi aspetta un viaggio in camper tra i più affascinanti che possiate mai fare.

Itinerario a Roma

Il nostro itinerario in camper del Centro Italia inizia qui. Secoli di storia segnano indelebilmente Roma, caput mundi, il centro della vita imperiale per circa 1200 anni. L’Impero romano si estendeva dal Portogallo alla Scozia, dalla Turchia al Marocco, ed è stupefacente pensare a quanto la cultura romana abbia influenzato quella occidentale odierna. Non basta un solo giorno per perdersi nella vastità culturale di questa città, che trasuda storia da ogni suo angolo, anche quello più recondito: miti e leggende contribuiscono tutt’oggi a dare a Roma un fascino ricco di mistero. Potreste iniziare, una volta stabilita la vostra area di sosta per il camper, a scoprire Roma nel suo cuore, il centro storico. Muovetevi a piedi, in bici o in metropolitana e iniziate da Piazza di Spagna, una delle piazze più famose, con la sua scalinata di Trinità dei Monti che con dodici rampe giunge all’omonima chiesa. Passeggiando per via del Corso giungerete alla Fontana di Trevi, set di innumerevoli e celebri film, come La dolce vita di Fellini, e potrete fidarvi della leggenda lanciando una monetina ed esprimendo un desiderio. Non meno suggestiva è Piazza Navona, con la Fontana dei Quattro fiumi di Bernini, il Palazzo Pamphilj e la Chiesa di Sant’Agnese in Agone. Piazza della Bocca della Verità, invece, vi permetterà di visitare il Tempio d’Ercole e la Fontana dei Tritoni. Ma tra le più importanti dobbiamo citare Piazza San Pietro, simbolo del Vaticano. Accedendo da via della Conciliazione vi troverete di fronte alla Basilica di San Pietro. Fu Bernini a progettare questo spazio, con l’incarico di creare un’area apposita a contenere quanti più fedeli possibili per vedere il papa affacciarsi dal Palazzo Vaticano e ascoltare le sue omelie. Una volta qui visiterete i Musei Vaticani con al suo interno i tesori rinascimentali ed  le opere di artisti quali Raffaello, Caravaggio e Leonardo da Vinci: imperdibile è la Cappella sistina di Michelangelo, che con i suoi affreschi vi lascerà letteralmente a bocca aperta. Roma in camper è un’ottima idea soprattutto se deciderete di sostare per più giorni, per godere appieno questa grande città che va vissuta da cima a fondo. Cosa dire del Colosseo, che è tra le sette meraviglie del mondo moderno? Lunghe code di turisti in fila per visitare questa imponente struttura, il simbolo di Roma e anche di tutta l’Italia. Quello che originariamente era conosciuto come Anfiteatro Flavio, è il più grande anfiteatro del mondo ed è anche patrimonio dell’UNESCO. Approfittate anche per vedere il Pantheon, sorto lì dove Romolo, alla sua morte, fu afferrato da un’aquila; è stato definito da Michelangelo come “opera di angeli e non di uomini”, ed è poco distante da Piazza Navona. Ma, una volta giunti a Roma con il nostro camper, non si può assolutamente escludere una visita ai Fori imperiali, tra i colli del Campidoglio e del Palatino, quelli che erano il centro della vita sociale, religiosa ed economica dell’antichità. Il Foro di Cesare e quello di Augusto, il Tempio della Pace, il Foro di Nerva e quello di Traiano rappresentano una delle mete turistiche più importanti al mondo. Voglia di verde? Andate al parco di Villa Borghese, non soltanto per un picnic: il Museo e la Galleria Borghese offrono un tête-à-tête con Canova, Tiziano, Raffaello. Non mancate, tra una pausa e l’altra, di assaggiare le specialità della tradizione romana: l’amatriciana, la carbonara, gli spaghetti cacio e pepe, l’abbacchio alla scottadito…

Il consiglio è di lasciare il camper presso un'area di sosta a Roma durante la visita della città. Inoltre qui sono molte le possibilità di Noleggio camper a Roma.

Abruzzo in camper

Dopo la frenesia di Roma la nostra destinazione è l’Abruzzo, meta che ha tantissimo da offrire ai camperisti amanti sia della natura che del mare, grazie anche alle numerose aree di sosta camper in Abruzzo. Riserve naturali, torrenti, una ricca flora e coste sabbiose caratterizzano questa regione variegata e dal clima miteIniziamo il nostro tour con il Parco nazionale del Gran Sasso, che si estende per ben 150.000 ettari ed è il terzo parco naturale più grande d’Italia. È un’area protetta circondata dai Monti Laga e contraddistinta da una grande biodiversità; qui vi imbatterete in una folta vegetazione, castelli, terreni pianeggianti e tante specie, anche rare, di animali. Un posto magico è Rocca Calascio, un’alta fortificazione medievale in pietra bianca immersa in un paesaggio a dir poco pittoresco. Dopo questa immersione nel verde, procedendo in camper giungiamo all’Aquila, il capoluogo abruzzese: nonostante il sisma che ha sconvolto questa terra nel 2009, resta una cittadina tutta da scoprire. Famosa è la Fontana delle 99 cannelle, una fontana medievale con 99 teste scolpite; fermatevi a visitare la Basilica di Santa Maria di Collemaggio, voluta dal papa Celestino V e di recente restaurata. Non mancate di passeggiare a piazza del Duomo e fare un salto alle antiche rovine dell’anfiteatro romano di Amiternum. Non lontano, a Sulmona, il centro più importante della Valle della Peligna, si trova la fabbrica di dolci più antica del mondo, la Fabbrica Pelino, tanto che per il Royal Wedding sono stati ordinati qui i confetti reali! Sempre in provincia dell’Aquila, fermatevi ad Alba fucens, un gioiello archeologico con le rovine di un’antica città romana fondata nel 303 a.C., dove potrete fare un giro turistico dell’ex colonia latina. Un’ottima idea è continuare il tour dell’Abruzzo in camper con una sosta al Parco Nazionale della Majella, un antico parco ricoperto di boschi di faggio con specie faunistiche quali l’aquila reale e il lupo; amanti dell’aria aperta troveranno qui ristoro e la possibilità di fare stimolanti escursioni. Potreste poi dirigervi, in camper, verso alcuni dei borghi più belli, come Barrea e Civitella Alfedena, cenando a Villa Celiera per gustare i più buoni arrosticini della regione. Da qui ci sposteremo verso il mare diretti alla Costa dei Trabocchi, da San Salvo fino a Francavilla a mare: godrete di scorci suggestivi che affacciano sul mare cristallino, come Punta Aderci, riserva naturale incontaminata. Risalendo la costa una sosta d’obbligo è Pescara, una delle città abruzzesi più conosciute: troverete il Museo della Casa Natale di Gabriele d’Annunzio, ma anche il Museo del mare e un delizioso centro storico. Nei dintorni potreste fermarvi a Città Sant’Angelo, un incantevole borgo medievale, e a Pineto, che ha ispirato la famosa lirica “La pioggia nel pineto” di D’Annunzio; tra Silvi e Pineto c’è la Torre di Cerrano con la sua oasi naturale protetta, la prima d‘Abruzzo. Sosta immancabile è Atri, città d’arte storica che ospita un festival musicale molto coinvolgente, l’International blues festival; anch’essa fa parte dell’oasi naturale protetta del WWF, insieme ai suoi Calanchi, formazioni geologiche molto particolari.


Alla scoperta delle Marche in camper

Così benedetta da Dio di bellezza, di varietà, di ubertà”, diceva delle Marche il poeta Giosuè Carducci. Con Ascoli Piceno e la sua piazza del Popolo inizia il nostro tour delle Marche in camper, una regione a metà tra gli Appennini e il mar Adriatico. Potete infatti iniziare l’itinerario anche da San Benedetto del Tronto, nota località balneare, ma vi consigliamo di intrattenervi piuttosto a Macerata, una delle città più belle delle Marche. Passate per piazza della Libertà con la Loggia dei Mercanti e visitate la Chiesa della Madonna della Misericordia, ma soprattutto non perdetevi il simbolo di Macerata, l’Arena Sferisterio, dove è possibile assistere a molti eventi, festival e concerti. Rimettetevi poi in marcia con il vostro camper e dirigetevi verso la costa, godendo dei bellissimi paesaggi collinari. Non potete saltare Recanati, città di origine di Leopardi e fonte di ispirazione per le sue poesie. Fatevi guidare in un tour letterario della città con sosta al Palazzo Leopardi, dove potrete entrare nella biblioteca del poeta. Ci muoviamo poi verso Loreto, famosa meta di pellegrinaggio, dove si gode di un bel panorama dalla Scala Santa fatta di 330 gradini che conducono alla Basilica della Santa Casa di Loreto. Dopo queste ultime due tappe, percorribili anche in un solo giorno, sostate il camper ad Ancona per poter visitare questa città portuale. La pizza più importante è quella del Plebiscito, chiamata dagli anconetani piazza del Papa; vale la pena anche dare uno sguardo alla Mole Vanvitelliana di Ancona, detta Lazzaretto, con le sue mura pentagonali e il tempio centrale neoclassico. Oltre a passeggiare per le strade del centro, potreste fermarvi alla Pinacoteca Civica di Ancona, mentre per una passeggiata panoramica consigliamo il Passetto. Per vivere le Marche in camper bisogna continuamente spostarsi dalla costa all’interno: proseguendo, troverete da un lato le Grotte di Frasassi, in provincia di Ancona, una vera e propria meraviglia naturale; dall’altro lato la Senigallia, la prima colonia romana sull’Adriatico, che possiede un incantevole centro storico e un lungomare molto frequentato. Fermiamoci poi a Fano, chiamata la Città della Fortuna, con la sua Corte Malatestiana e il museo civico, Piazza XX Settembre, la misteriosa Fano sotterranea e la Pinacoteca San Domenico. Ultima tappa è Urbino, città rinascimentale patrimonio dell’UNESCO, dove è possibile visitare la casa natale di Raffaello e la Galleria Nazionale delle Marche e dove sono presenti due capolavori di Piero della Francesca.



Viaggio in camper in Umbria

L'Umbria, il cuore verde d'Italia. Iniziamo un tour dell’Umbria in camper da Perugia, un piccolo borgo fortificato che però ha un’intensa vita cittadina anche grazie ai numerosi studenti che vi soggiornano. Senza dubbio famosa per la cioccolata, Perugia affascina anche per la Cattedrale di San Lorenzo e la Galleria nazionale. Ma un salto alla Casa del Cioccolato Perugina è comunque d’obbligo per i più golosi, magari dopo aver assaggiato i tipici Palombacci alla Perugina. Non dimentichiamo che in Umbria si trova il Lago Trasimeno, il quarto lago d’Italia per estensione: approfittate per visitare i più bei borghi che fanno da contorno al lago, come Passignano sul Trasimeno e Castiglione sul Lago. È possibile inoltre visitare l’Isola Polvese e l’Isola Maggiore effettuando un tour in traghetto, con sosta ai castelli del lago: la Rocca del Leone, il Castello di Zocco e la Torre dei Lombardi. Ritornando in direzione sud est troverete Assisi, famosa soprattutto per San Francesco a cui è dedicata la Basilica con i celebri affreschi di Giotto. Qui ha soggiornato anche Goethe, che rimase incantato dal Tempio della Minerva, conservatosi integro dal I secolo a.C. , tanto da dedicargli dei versi. Fate un salto anche alla Rocca Maggiore di Assisi, e se avete tempo visitate il Duomo di San Rufino: passeggiate poi a Piazza del comune, dove si trovano anche la Torre del popolo e il Palazzo dei Priori. Percorrendo in camper la strada per giungere alla magnifica Cascata delle Marmore, fermatevi a Spoleto, che vi accoglierà con l’acquedotto Ponte delle Torri, invitandovi poi a visitare il Teatro Romano e il Museo Archeologico Statale; degna di nota è anche Foligno, dove potrete fermarvi a mangiare i caratteristici spaghetti col rancetto. Giungiamo infine alla Cascata delle Marmore, tra le più alte d’Europa e conosciute d’Italia, che si trova all’interno del Parco naturale della Cascata delle Marmore. 165 metri in tre salti, comprende anche almeno cinque sentieri all’interno del percorso escursionistico, ideali per chi abbia voglia di una passeggiata nella natura.


Consigli per viaggiare in Centro Italia in camper

Prima di intraprendere il tuo viaggio in in camper nel centro italia, vogliamo darti alcuni consigli utili per sfruttare al meglio la tua avventura.

  • Fai una lista delle aree di sosta camper e dei campeggi dove pernottare. Ti consigliamo di organizzare il tuo itinerario nel Lazio, Marche, Abruzzo e Umbria in anticipo, in modo da prenotare eventuali strutture in anticipo, soprattutto in alt stagione. 
  • Quando visiti i Borghi d'Italia, evita di addentrarti fino al centro del borgo in camper, le strade tendono ad essere molto strette. Solitamente sono previste apposite aree di sosta camper.
  • Se viaggi in camper in inverno, prepara vestiti caldi, buone scarpe e il materiale necessario per la tua visita, soprattutto se attraversi gli Appennini. L'inverno ad alta quota è freddo e potresti incombere in nevicate, attrezza il camper con catene da neve.
  • Ultimo, ma non meno importante, il desiderio di avventura! Il nostro miglior consiglio per il tuo viaggio in camper è di partire con la voglia di divertirsi e scoprire tutte le meraviglie che il Centro Italia offre.

Quale modo migliore di viaggiare nel Centro Italia in camper, van o furgone camperizzato?