I 10 Borghi più belli del Lazio in camper

22 Giugno 2021 Viaggi

I 10 Borghi più belli del Lazio in camper

Cittadine arroccate su colli di tufo, borghi fantasma ripopolati da artisti, parchi di mostri e paesi “che parlano”. No, non sei finito in una saga fantasy: sei nel Lazio.  Che, ti assicuriamo, è molto più di Roma. E se sceglierai di visitarlo prendendo strade “secondarie” e optando per i piccoli borghi, lo vedrai con i tuoi occhi. Noi, per te, ne abbiamo scelti dieci, quelli che crediamo siano proprio da non perdere, ma siamo certi che “perdendoti” con il tuo camper scoprirai  una regione che ti sorprenderà. Da nord a sud. 

Dieci borghi in Lazio:

  1. Civita di Bagnoregio
  2. Bolsena
  3. Bomarzo
  4. Vitorchiano
  5. Amatrice
  6. Orvinio
  7. Calcata
  8. Tarquinia
  9. Nemi
  10. Canterano

1. Civita di Bagnoregio

Parti dalla Tuscia, la terra degli Etruschi, oggi  provincia di Viterbo. Incastonata tra Umbria e Toscana, ti porterà a imbatterti in una varietà di paesaggi inaspettata e in località sorprendenti. Come Civita di Bagnoregio, la “città che muore”: arroccata su un colle di tufo destinata a sgretolarsi con il passare dei secoli, si raggiunge attraverso un ponte pedonale che nei giorni di nebbia o nuvolosi scompare alla vista, dando l’impressione di entrare in un paese sospeso tra le nuvole. Per accedere al borgo, che è anche candidato a Patrimonio Unesco, si paga un biglietto di ingresso, ma vedrai che ne sarà valsa la pena. Superata la porta rinascimentale, ti perderai nei vicoli medievali e t’incanterai davanti alla Cattedrale, ma la vista della Vallata dei Calanchi dal Belvedere ti toglierà davvero il fiato. Prima di scendere a riprendere il tuo camper (che avrai lasciato nel parcheggio sulla provinciale 6) fermati a mangiare un piatto di Piciarielli, “innaffiati” di vino di Orvieto.

2. Bolsena

Bolsena è l’ideale per un po’ di relax sulle rive del lago (oppure proprio dentro: puoi farci anche il bagno!). Poi, quando ti sarai ricaricato, cogli l’occasione per visitare il centro storico, con  il cinquecentesco Palazzo Cozza Crispo (oggi Del Drago) e la Fontana di San Rocco, realizzata su commissione di Giovanni de’ Medici e ancora ritenuta dai bolsenesi miracolosa. Qui ti puoi fermare anche per la notte, nell’area sosta camper “Il Guadetto” (via della Chiusa 42)

3. Bomarzo

Da Bolsena procedi verso sud est e fermati a Bomarzo : il suo Parco dei Mostri, noto anche con il nome Sacro Bosco, è davvero imperdibile (puoi arrivarci direttamente in camper, lo lascerai nel vicino Posteggio di via Madonna della Valle). Fatto costruire da Vinicio Orsini nel XVI secolo, in memoria della moglie scomparsa, i “mostri” sono costruzioni in pietra di animali mitologici e mostri, appunto, su cui sono incise citazioni di Ariosto e Petrarca e che nascondono enigmi. Prima di lasciare la città della nocciola (così è anche detta Bomarzo) ricordati di comprare i biscotti di Sant’Anselmo: la leggenda dice che fu proprio il santo, oggi patrono della cittadina, a farli realizzare per i pellegrini che percorrevano la via Francigena. 

4. Vitorchiano

Sempre in provincia di Viterbo, ti consigliamo di visitare Vitorchiano, borgo medievale adagiato sulla roccia a strapiombo sulle forre scavate dai fiumi (puoi lasciare il camper poco fuori città, nel parcheggio Parco dei Cinque Sensi). È nell’elenco dei borghi più belli d’Italia e quando entrerai scoprirai perché: tutto, nel centro storico, ha mantenuto il suo fascino antico, dai balconcini che si affacciano sulle piazzette, agli archi che si aprono sui vicoli, ai sapori e ai profumi che ti riporteranno a un tempo passato ma ancora vivo. Non dimenticare di far tappa alla Trappa Cistercense, convento Suore di Ordine Trappista, dove acquistare confetture, vino e stampe.

5. Amatrice

Per arrivare ad Amatrice, devi tornare verso gli Appennini e tenerti pronto a quello che vedrai. Di quello che faceva di Amatrice uno dei borghi più belli d’Italia, dopo il terremoto del 2016 non è rimasto più nulla. Il paese è raso al suolo e il centro storico è costantemente protetto da intrusi per evitare lo sciacallaggio. Ma una tappa in questa terra ferita è d’obbligo, anche per aiutarla a risollevarsi. Puoi posteggiare il camper nel parcheggio sulla regionale 260 (è gratuito) e poi passeggiare nel paese nuovo e sui monti per poi fermarti - anche per la notte - nell’AgriCamperAmatrice (Frazione Retrosi, 57, 02012 Retrosi). Non andartene, naturalmente, senza aver assaggiato la vera amatriciana nel ristorante Roma o nell’agriturismo Amatrice di Benni e Saro (dove c’è un ampio parcheggio per il tuo camper).

6. Orvinio

In provincia di Rieti si “nasconde” un altro dei borghi più belli d’Italia,  luogo del cuore del Fai: Orvinio, borgo medievale arroccato su un colle e sorto intorno al Castello Malvezzi. Tappa del cammino di San Benedetto, Orvinio fa parte del progetto “Borghi Narranti“: grazie ai QRCode che si trovano su 50 mattonelle artistiche del centro storico, si può ascoltare la storia del paese, le sue tradizioni e i suoi mestieri, attraverso la voce di chi qui ha vissuto. caratteristiche di questo piccolo e delizioso borgo sono le orchidee, che fioriscono da maggio a fine luglio, nella vallata circostante e ti rimetteranno davvero in pace con il mondo. Goditi la vista dalle Pratelle di Orvinio ma solo dal finestrino del tuo camper: non ci sono parcheggi vicini. 

7. Calcata

Non lontano dal lago di Bracciano, merita una visita la piccola Calcata. Piccola sì, ma vivace:  Calcata è infatti detta il “borgo degli artisti”, che negli anni ’60 hanno ridato vita a un paese abbandonato agli inizi del XX secolo. Arroccata su uno sperone di tufo nel bel mezzo del Parco Naturale Regionale Valle del Treja, potrai visitarla solo a piedi, ma il tuo camper lo potrai posteggiare facilmente nel parcheggio Calcata Vecchia centro storico.  Nei vicoletti che spesso aprono scorci sulle rosse forre di tufo, troverai gallerie d’arte, associazioni culturali, spettacoli, concerti e mercatini, oltre a locali dove gustare i piatti della tradizione locale e a botteghe artigiane di cuoio, ceramica o vetro. Potrebbe capitarti anche di incontrare degli sposi: il Palazzo Baronale Anguillara è luogo ambitissimo per festeggiare i matrimoni. 

8. Tarquinia

Città etrusca per eccellenza (è una delle più antiche abitate da questo popolo) Tarquinia non è solo sede di uno dei più importanti siti archeologici d’Italia - la Necropoli dei Monterozzi dai magnifici affreschi - ma ingloba in sé secoli di storia, offrendo anche itinerari artistici e naturalistici che ti porteranno a pensare di fermarti qui a lungo. Il tuo camper puoi lasciarlo all’Agricampeggio Il Poderino (Localita' Poderino, 98, Tarquinia) e partire alla scoperta non solo del centro storico dalle affascinanti torri medievali (non perdere Palazzo Vitelleschi, sede del Museo Nazionale, e la Chiesa di Santa Maria in Castello) ma anche della vicina Riserva Naturale delle Saline di Tarquinia. 

9. Nemi

Immerso nel parco dei Castelli Romani, scoprirai un piccolo e delizioso borgo, Bandiera Arancione: è Nemi, che gli autoctoni ti segnaleranno come il paese delle fragole di bosco (nate, secondo la leggenda delle lacrime versate da Venere alla morte di Adone), da cui si produce il celebre Fragolino. Lascia il tuo camper  nell’Agriturismo Iacchelli e goditi la passeggiata nella natura fino al centro storico, e al Belvedere da cui ammirare il lago cui il paese dà il nome. Sotto le torri, nei vicoli, scoprirai le antiche tradizioni mantenute vive nelle botteghe artigiane e se hai tempo potrai anche vedere come si fa il tombolo, antica arte che le sarte di Nemi continuano ad insegnare. Fuori dalle mura, fai un salto al Castello Ruspoli, risalente al X secolo, e visita i più importanti siti archeologici: il Tempio di Diana Nemorensis, l’Emissario, la Villa di Cesare, il Museo delle Navi. 

10. Canterano (Valle dell'Aniene)

Sembra si arrampichi sul costone dei monti Ruffi su cui sorge, Canterano: uno dei più antichi centri abitati del Lazio (come testimoniano i ritrovamenti preistorici nella grotta naturale ai piedi del paese) che domina la Valle dell’Aniene. Il suo tessuto urbanistico medievale, fatto di  vicoli e viuzze, scalinate strette e scorci panoramici, lo rende uno dei borghi più belli d’Italia ma anche di difficile accesso ai camper, che però possono essere lasciati nel parcheggio all’inizio di via Vittorio Veneto. Canterano è anche un ottimo punto di partenza per visitare le meraviglie storiche e naturalistiche della Valle dell’Aniene, tra cui la vicina Subiaco con i suoi monasteri e il Parco Naturale Regionale Monti Simbruini. Meritano di essere viste anche le grotte di Bucia Buciera: nate come luoghi di sepoltura, hanno dato rifugio agli abitanti di Canterano durante i bombardamenti della seconda guerra mondiale. 

Trovi una vasta scelta di veicoli se vuoi noleggiare un camper, van o furgone camperizzato per scoprire il Lazio su Yescapa!